ALPI GIULIE - SENTIERI, RIFUGI E OPERE ALPINE C.A.I. FVG

Vai ai contenuti

Menu principale:

COMMISSIONE GIULIO CARNICA
ALPI GIULIE
620


SENTIERI, RIFUGI e OPERE ALPINE
SINTESI DEL PERCORSO
Chiusaforte - Val Cadramazzo
PUNTO DI PARTENZA
Raccolana (quota 380 m)
PUNTO DI ARRIVO
Rio Livinal - Bivio sentiero n° 619 (quota 1200 m)
DISLIVELLO IN SALITA800 m
LUNGHEZZA12 km
PUNTI DI APPOGGIO
Località Patoc
DESCRIZIONE DEL PERCORSO:  
Da Raccolana (quota 380 m) parte il sentiero che costeggia il Fella verso Nord fino alla confluenza con il Rio Patoc che si risale fino alla località Patoc (quota 750 m).
Superate le case si risale per tornanti fino al luogo dello stavolo Chinop (quota 1150 m), per poi raggiungere costeggiando in quota la Forca Galandin (quota 1222 m) posta tra lo Sflamburg ed il Jovet.
Il sentiero segue in costa fin oltre il Rio Fontanis e superato il Cuel de l’Aneit raggiunge il sentiero n° 619 al Rio Lavinal (quota 1200 m).
TEMPI DI PERCORRENZA: 
3h 30min(Raccolana - Patoc 1h 30min, Patoc - Forca Galandin 1h 20min, Forca Galandin - Val Cadramazzo 40min)
PARTICOLARITA'

L’ambiente consente di ripercorrere i luoghi primordiali della montagna Giulia, già frequentata da allevatori e cacciatori ed esplorata verso il Jovet ed il Ciuc di Vallisetta dai residenti e da pochi alpinisti fino al secolo scorso. La scarsa frequentazione consente alla fauna ed alla flora spontanea di diffondersi in un ambiente selvaggio ed abbandonato.

Torna ai contenuti | Torna al menu