ALPI GIULIE - SENTIERI, RIFUGI E OPERE ALPINE C.A.I. FVG

Vai ai contenuti

Menu principale:

COMMISSIONE GIULIO CARNICA
ALPI GIULIE
513
ALTA VIA
ALPI TARVISIANE

SENTIERI, RIFUGI e OPERE ALPINE
SINTESI DEL PERCORSO
Lago superiore di Fusine - Alpe Tamer - Alpe Vecchia - Rifugio Zacchi
PUNTO DI PARTENZA
Lago superiore di Fusine (quota 941 m)
PUNTO DI ARRIVO
Rifugio Zacchi (quota 1380 m)
DISLIVELLO IN SALITA440 m  VEDI GRAFICO
LUNGHEZZA5,2 km
PUNTI DI APPOGGIO
Rifugio Zacchi
DESCRIZIONE DEL PERCORSO:  
Dal piazzale antistante il lago (quota 941 m), parte una strada forestale che in circa un quarto d’ora ci conduce al bivio col sentiero n° 512. Si segue la carraia sulla piana sino ad arrivare al bivio col sentiero n° 517a: siamo all’Alpe Tamer. Ora inizia la salita e dopo un po’ ci si trova in un canalino, ed il percorso, diventa disagevole, scivoloso e a zig zag.
Usciti dal canalino,si gira a sinistra procedendo verso l’Alpe Vecchia: una conca contornata dalle Ponze, la Strugova, la Veunza ed il Mangart. Il sentiero ci porta al bivio col n° 517 che sale in Forcella Mangart; più avanti ancora è segnalata la direzione per la “Via della Vita” (quota 1314 m).
Si avanza tra abeti, rododendri e massi detritici; un altro cartello ci indica la direzione per la cima Strugova.
Dopo una decina di minuti ci si immette sulla carrozzabile sterrata che conduce al Rifugio Zacchi (quota 1380 m).
TEMPI DI PERCORRENZA: 
3h
(Lago superiore di Fusine - Alpe Vecchia 2h, Alpe Vecchia - Rifugio Zacchi 1h)
PARTICOLARITA'

Torna ai contenuti | Torna al menu