ALPI CARNICHE - SENTIERI, RIFUGI E OPERE ALPINE C.A.I. FVG

Vai ai contenuti

Menu principale:

COMMISSIONE GIULIO CARNICA
ALPI CARNICHE
143

SENTIERI, RIFUGI e OPERE ALPINE
SINTESI DEL PERCORSO
Rifugio Tolazzi - Casera Morareet - Rifugio Marinelli - Bivio sentiero n° 172 - Bivio sentiero n° 143a - Monte Cogliàns.
PUNTO DI PARTENZA
Rifugio Tolazzi (quota 1350 m)
PUNTO DI ARRIVO
Monte Cogliàns (quota 2780 m)
DISLIVELLO IN SALITA1430 m  VEDI GRAFICO
LUNGHEZZA6,1 Km
PUNTI DI APPOGGIO
Rifugio Tolazzi - Casera Morareet (monticata) - Rifugio Marinelli
DESCRIZIONE DEL PERCORSO:                 
Dal Rifugio Tolazzi (quota 1350 m) su strada carrareccia dopo circa 5 minuti si supera il bivio sentiero n° 144 per proseguire, verso Est, fino ad un ampio tornante dove si abbandona la strada per immettersi, a destra, su sentiero ben marcato di media pendenza che in breve tempo recupera, (quota 1625 m), la predetta carrareccia all’inizio dei pascoli di Casera Morareet. Si prosegue sulla stessa per circa 400 m per poi riabbandonarla sulla sinistra e attraversarla all’altezza del bivio per la Casera e quindi salire lungo il pascolo costeggiando prima a destra poi a sinistra orografica il Rio Morareet (quota 1900 m) dove il sentiero diventa più ripido. Dopo aver superato l’acquedotto, con ampi tornanti incavati nel terreno argilloso, si raggiunge la Forcella Morareet e quindi il Rifugio Marinelli (quota 2111 m).Dalla Forcella Morareet si piega a sinistra verso NordOvest in combinazione con il sentiero n° 145, per poi, dopo 200 m, deviare a sinistra per risalire, su tratti di sentiero a fondo friabile e scivoloso, il costone sud del Pic Chiadin. A questo punto il sentiero spiana ed in leggera discesa, raggiunge la Forcella Monumenz, quindi il bivio sentiero n° 172 e poi il bivio sentiero n° 143a (quota 2310 m). Poi percorrere un tratto esposto con appoggi ed appigli su roccette frastagliate fino a raggiungere il 1° ghiaione. Superato questo, si prosegue su un tratto di sentiero a fondo roccioso ma ben marcato, reso insidioso per la possibile caduta di sassi dal sovrastante ghiaione. Ora si risale il ghiaione a sinistra fino ad una evidente insenatura di invito ad un ripido canalino friabile ed esposto, indi ci si immette sulle evidenti tracce di sentiero di guerra che con ripidi tornantini, a fondo particolarmente friabile, arriva in vetta al Monte Cogliàns (quota 2780 m).           
TEMPI DI PERCORRENZA: 
4h 15'
(Rifugio Tolazzi - Rifugio Marinelli 1h 40', Rifugio Marinelli - Monte Cogliàns 2h 35')
PARTICOLARITA'

Torna ai contenuti | Torna al menu